In che modo i cani scelgono la loro persona preferita e come essere i preferiti?

Sembra molto complicato rispondere alla domanda “in che modo i cani scelgono la loro persona preferita”, invece è più semplice di quello che si possa pensare : l’istinto , il fiuto e ciò che sentono a pelle. In base alla sua sensibilità, il cane capisce subito chi, all’interno della famiglia/branco è degno di essere considerato padrone e capobranco.

I cani si relazionano in maniera differente con ogni tipo di persone e diversa è anche la natura e l’intensità di questi rapporti. Questo dipende da molti fattori: la socializzazione del cane, l’attenzione che si presta al cane, e la differenza di personalità.

Chi non vorrebbe essere la persona preferita del nostro cane? Il segreto è tutto nel creare associazioni positive col nostro amico a quattro zampe. Il preferito è sicuramente la persona a cui sono associati sentimenti positivi, affetto, coccole, ma anche incoraggiamenti e biscotti.

Amazon.it : biscotti per cane
VEDI SU AMAZON
Cliccando dal nostro sito, supporti il nostro lavoro di iinformazione

Il cane sceglie la persona preferita e il capobranco:

Carino cane golden retriever sdraiato sul divano in casa – In che modo i cani scelgono la loro persona preferita

Dopo un primo periodo di adattamento, il cucciolo interagisce con tutti i componenti della famiglia e ne studia le varie personalità. Questo processo avviene intorno ai primi 6/8 mesi , in cui potranno verificarsi episodi in cui il cane lascia emergere il suo “caratterino” quasi per mettere alla prova tutti i membri di questa comunità. È proprio in questo modo che cerca di capire chi è il più debole, chi il più forte e chi si prende cura di lui con affetto e devozione. È proprio questo tipo di interazione uomo-animale che determinerà, per il cane , anche la scelta del capobranco.

Con la parola “capobranco si intende il più forte di tutta la famiglia, in grado di aiutare e occuparsi dei suoi familiari e delle loro necessità, che merita rispetto per questo , e che ha il compito di comandare. Il cane ripone nel capobranco tutta la sua fiducia, decide di seguirlo e  amarlo incondizionatamente rispettando ed eseguendo i suoi ordini, affidandogli la sua vita completamente nelle mani.

Sembra strano, ma “non sempre la figura del capobranco coincide con quella della persona preferita dal nostro cane“. I cani creano un legame forte con chi si prende cura di loro dalla nascita fino a sei mesi, in questo periodo il loro cervello è molto recettivo e le loro prime esperienze di socializzazione influenzeranno tutta la loro vita.

Sarà facile notare, per esempio in una famiglia composta da due genitori e un bambino , che il cane sceglie la figura di uno dei due genitori , in base a chi si occuperà per lo più di procurargli cibo, lavarlo ed educarlo, mentre la sua persona preferita , con grandissima probabilità sarà il figlio, che trascorrerà molto tempo con lui, giocando e creando associazioni positive .

| Potrebbe interessarti conoscere i migliori giochi per cani

In base a cosa i cani scelgono la persona preferita

Proprio come noi umani, anche i cani scelgono la loro persona preferita in base ai punti che hanno in comune. Un cane giocherellone e scatenato sarà attratto da una persona che lo asseconda , come del resto un cane più pigro, che preferisce il divano alle passeggiate, preferirà qualcuno come lui. Un cane tende a legarsi con chi gli presta più attenzione ,  affetto, coccole, carezze, massaggi e spazzolature ; lo considera giocando di più con loro e lo nutre.

Come diventare la persona preferita del tuo cane

Giovane coppia felice mentre tiene in braccio il loro cucciolo golden retriever – In che modo i cani scelgono la loro persona preferita

Attenzione e dedizione sono molto importanti per creare un legame affettivo con un cane , ed è fondamentale che  queste interazioni siano positive e costruttive. Se vogliamo essere i preferiti del nostro cane dobbiamo far sì che associ la nostra persona a ricordi ed esperienze felici e positive, al divertimento e alle coccole, ma anche a chi lo incoraggia e gli dà i biscottini.

E